film

Tè perdita di peso – funziona?

Tè perdita di peso - funziona?Rispetto a lavorare su un sudore facendo esercizio regolare, pianificando con attenzione una dieta equilibrata o gli integratori di deglutizione, sorseggiare tè è un’opzione molto più appetibile per perdere peso. Ma bere un paio di tazze di tè perdita di peso ogni giorno può davvero aiutare a liberarsi dei chili? Guardiamo le prove.

La perdita di peso del tè funziona?

Etichettati variamente come “slim”, “slender”, “body shape” o “diet” tea, weight loss teas sono ampiamente disponibili online e attraverso i rivenditori, tra cui supermercati e chimici. Ma nonostante la loro popolarità, una ricerca della letteratura medica risulta poco nel modo di pubblicato ricerca sulla loro efficacia per la perdita di peso (tè verde a parte).

Quindi possono aiutarti a dimagrire? Abbiamo posto questa domanda a http://smartphood.it/diet-lite/ tre esperti.:

Cosa c’e ‘nel TE’ della perdita di peso?

Prodotti di tè perdita di peso contengono un vero e proprio smorgasbord di ingredienti botanici, tra cui una gamma di diverse foglie di tè, erbe, spezie e estratti di erbe concentrati. Abbiamo elencato alcuni dei più comuni qui sotto.

Molti hanno una lunga storia di uso tradizionale e si pensa di avere una varietà di benefici , ma nella maggior parte dei casi è necessario più prove per sostenere la loro efficacia. Per la perdita di peso in particolare ci sono poche prove pubblicate a sostegno del loro uso – al massimo, sono necessari studi clinici più definitivi prima di poter trarre conclusioni.

Camellia sinensis (tè verde) contiene caffeina e composti noti come catechine. Entrambi questi sono pensati per aiutare con la perdita di peso contribuendo ad aumentare il dispendio energetico (metabolismo).Cosa c'e 'nel TE' della perdita di peso?

Ci sono state una serie di recensioni sistematiche di studi incentrati su tè verde e perdita di peso. Le loro conclusioni indicano un modesto – ma non sempre statisticamente significativo-effetto positivo per alcuni gruppi di persone, il che suggerisce la necessità di maggiori ricerche.

La cannella-in particolare gli estratti di alcune specie di cannella-è stata trovata per contribuire a migliorare il controllo dello zucchero nel sangue e può essere utile nella prevenzione e nel trattamento del diabete, secondo una serie di indagini cliniche, ma sono necessari ulteriori studi per stabilirne l’efficacia.

Dente di leone contiene sostanze chimiche che possono aumentare la produzione di urina, ma non abbiamo trovato alcuna prova per sostenere il suo uso per la perdita di peso.

Il finocchio è usato per aiutare con vari problemi digestivi, tra cui gonfiore, mal di stomaco e indigestione, ma sono necessarie maggiori prove per determinare quanto sia efficace per questi usi.

Garcinia Cambogia contiene l’acido idrossicitricico chimico. Si suggerisce che questo può aiutare con la perdita di peso prevenendo lo stoccaggio di grasso e controllando l’appetito, anche se le prove per questo è inconcludente.

Il biancospino, noto anche come Crataegus pinnatifida, è stato trovato per ridurre i sintomi di insufficienza cardiaca e abbassare la pressione sanguigna in alcuni studi sull’uomo, ma non in altri. Studi su animali hanno anche scoperto che abbassa i livelli di colesterolo nel sangue, ma è necessaria una maggiore ricerca.

Peppermint è stato utilizzato in medicina tradizionale in molte parti del mondo per alleviare l’indigestione. Ci sono alcune prove che suggeriscono che l’assunzione di olio di menta piperita per via orale riduce il dolore allo stomaco, il gonfiore, il gas e la frequenza dei movimenti intestinali nelle persone con sindrome Dell’intestino irritabile.

Senna-nota anche come Cassia Angustifolia – ha un effetto lassativo provato ed è usato per trattare la costipazione.

Yerba mate è una fonte vegetale di caffeina, che è uno stimolante e si ritiene sia utile per la perdita di peso a causa del suo impatto sull’aumento del tasso metabolico, ma sono necessarie maggiori prove per valutare la sua efficacia per questo uso.

I prodotti per il tè dimagrimento sono sicuri?

I tè perdita di peso sono generalmente considerati relativamente a basso rischio, ma alcuni ingredienti botanici possono causare danni da soli e anche interagendo con i farmaci convenzionali.

Yerba mate, per esempio, può interagire con farmaci stimolanti come le anfetamine e l’efidrina, potenzialmente con conseguente aumento della frequenza cardiaca e pressione alta, quindi non dovrebbe essere preso insieme. E le persone con patologie gastrointestinali come la colite ulcerosa o la malattia di Crohn devono evitare di usare senna.

In ogni caso, e ‘una buona idea controllare cosa c’e ‘nel te’, non si sa mai.

Cibo o medicina: come sono regolati i tè perdita di peso?

I consumatori dovrebbero essere sicuri che i prodotti che acquistano siano sicuri e facciano quello che dicono di fare – e la regolamentazione è necessaria per raggiungere questo obiettivo. Ma siamo preoccupati che i tè per la perdita di peso cadano in una zona grigia in quella che è conosciuta come l’interfaccia cibo-medicina, quindi non sono adeguatamente classificati o regolati. E non siamo gli unici.Cibo o medicina: come sono regolati i tè perdita di peso?

“Questi tipi di prodotti rientrano in una zona di regolamentazione grigia, purtroppo, e le aziende la stanno cavando con affermazioni che hanno poche prove a sostegno”, dice il Professor Harvey.

Cancer Council NSW (CCNSW) è da tempo preoccupato per il potenziale impatto che le indicazioni sulla salute non comprovate possono avere sulle scelte alimentari delle persone e, in ultima analisi, sulla loro salute.

Clare Hughes, direttore nutrizionale della CCNSW, ci dice: “Stiamo sempre più assistendo a affermazioni su prodotti che cadono in quella zona grigia tra alimenti e terapie. In alcuni casi sono i prodotti alimentari che sembrano fare affermazioni terapeutiche. In altri, è la forma del prodotto – una pillola o una polvere per esempio – che suggeriscono che il prodotto potrebbe essere una medicina complementare, non un alimento. E a volte il prodotto è un ingrediente che può andare in un alimento o bene terapeutico.”

Occorre rafforzare la regolamentazione relativa alle richieste di farmaci sia alimentari che complementari, in modo che le aziende non possano sfruttare le aree normative grigie. Se un prodotto non funziona o causa un problema, dovrebbe essere chiaro con chi i consumatori devono lamentarsi.

I tè per perdita di peso devono essere classificati come alimenti o medicinali e regolati di conseguenza. Abbiamo scritto all’ACCC chiedendogli di risolvere questa scappatoia normativa.